Un programma ambizioso, perchè immaginiamo di andare davvero verso il “paese più bello del mondo”: più vivace, più aperto, inclusivo, innovativo, felice. E questo obiettivo ci permettere di indirizzare lì tutte le nostre azioni, dalle più semplici alle più complesse. Partendo dalla cura delle aiuole, arrivando al sostegno all’autonomia delle persone fragili.

Un programma concreto, perchè siamo consapevoli che per diventare “il paese più bello del mondo” di strada da fare ce n’è parecchia e non tutte le azioni che ci portano lì sono facilmente realizzabili. E allora il nostro programma avrà dei punti essenziali, che non possiamo permetterci di non realizzare, che stanno dentro un contesto più “ambizioso”, una visione cui tendiamo e faremo di tutto per raggiungere.

Un programma testardo, perchè negli scorsi anni alcune cose non siamo riusciti a farle... ma per noi restano importanti! Abbiamo pensato al perchè non siamo riusciti ad attivare il Piedibus, ad esempio, o il Referente di quartiere, o la consulta giovani. Identificando il problema che ha impedito di raggiungere l’obiettivo stiamo correggendo il tiro per andare sempre e comunque in quella direzione per noi importante.

Un programma coraggioso, perché vede Rivolta come una cittadina che può emergere e spiccare il volo. Lo può fare dal punto di vista della qualità della vita, dell’offerta culturale e della capacità delle persone di collaborare insieme. E abbiamo il coraggio di dirlo e di porci in tutti i tavoli sovralocali con questa idea. Rivolta vale, e tanto, così come i Rivoltani: dobbiamo affermarlo con decisione!

Un programma partecipato, perché è frutto di un lavoro collettivo enorme, a tratti complicato, ma che ci sta arricchendo tutti. Nove tavoli di lavoro, cinquanta persone coinvolte, un numero indefinito di incontri online. Confronti con imprese, associazioni, esperti, enti. Tutto per arrivare con un progetto di Rivolta e per Rivolta.

Un programma che incarna Rivoltiamo: amore per il paese e voglia di crescere, di cambiare.

Un programma fatto con la testa, con le mani, con il cuore. Sempre.


 

  1. PER LA COMUNITA’ - ovvero costruire insieme il nostro futuro

Il primo capitolo del programma elettorale è dedicato alla comunità perché l'obiettivo è porre sempre le persone al centro, rendendole partecipi delle scelte e della crescita del territorio. 

 

1.1 Cittadini e Amministrazione insieme

Regolamento dei Beni Comuni e Patti di collaborazione

Approveremo il Regolamento dei Beni Comuni per Rivolta d’Adda. Questo strumento permette di regolare i rapporti tra Amministrazione e Cittadini o Associazioni per la gestione condivisa dei beni comuni, ovvero parchi, spazi, aiuole, sale pubbliche. Questo faciliterà numerose iniziative di collaborazione e attivismo civico. 

 

Bilancio Partecipato

Sulla base di positive esperienze pilota di altre amministrazioni, mettere a disposizione dei cittadini una cifra del bilancio per una gestione condivisa delle risorse economiche ottenendo indicazioni preziose sulle effettive necessità di chi vive il paese. Obiettivo è rendere sempre più partecipi i cittadini delle scelte e azioni amministrative.

 

Incontri nei quartieri

Organizzeremo periodicamente e non meno di una volta all’anno incontri in tutte le zone di Rivolta per poterci confrontare con i cittadini portando l’amministrazione nelle vie e strade del paese. Questa azione riteniamo sia importante per conoscere meglio le esigenze dei rivoltani e aprirsi al confronto. 

 

1.2 Per le Associazioni

Volontariato e Associazionismo, verso un tavolo di coordinamento

Solo il coordinamento fra tutte le associazioni ed i volontari, con la regia di un referente titolato riconosciuto ed apprezzato da tutti gli attori permette di svolgere un lavoro ancora più unitario e senza duplicazioni con sperpero di risorse. Qual tavolo di coordinamento, già  attivato per alcune iniziative in questi anni, deve diventare un banco di confronto costante.

 

Supporto alla Protezione Civile

Rivolta vanta uno dei migliori gruppi di Protezione Civile della Provincia. Intendiamo supportare il gruppo perchè possa continuare a crescere e mantenere il proprio ruolo. In tal senso contribuiremo all’individuazione di uno spazio dedicato alla formazione e al deposito di attrezzatura provinciale.

 

Collaborazione con le associazioni - nuove modalità di contributo

Le associazioni - e in generale tutto il Terzo Settore - sono alleate fondamentali dell’amministrazione nell’erogare servizi sociali, nell’organizzazione di eventi ed iniziative di vario genere. Oltre alla creazione di un tavolo di coordinamento riteniamo importante impostare una nuova modalità di finanziamento delle associazioni che incentivi progettualità virtuose proposte dagli enti, supporti iniziative sociali, intervenga laddove le associazioni manifestano criticità economiche circoscritte e motivate.  

 

Promuovere la partecipazione al volontariato

Una delle principali criticità espresse dalle associazioni è quella del ricambio generazionale all’interno delle associazioni e dell’adesione di nuovi volontari agli enti di volontariato. 

Promuoveremo iniziative di avvicinamento al volontariato in particolare pensate per i giovani e i neo pensionati. 

 

Porte aperte

Promuoveremo occasioni per far conoscere le associazioni al territorio secondo due strategie: organizzando open day e stand durante i principali eventi del comune; organizzando eventi culturali all’interno degli spazi delle associazioni, come per l’esperienza dei Festival di Sant’Alberto o la Rassegna Vicoli.

 

1.3 Civic Center, lo spazio della comunità

L’obiettivo è fare del Civic Center un bene comune a tutti gli effetti, ovvero uno spazio dove  possano operare e convivere diverse realtà, offrendo servizi, con il fine comune di farlo fruttare a vantaggio della comunità rivoltana. I cambiamenti già in atto nel territorio, come la costruzione della nuova scuola dell’infanzia, renderanno fruibili nuovi spazi presso il Civic Center, a partire dall’attuale mensa.

Partendo da qui, vogliamo ridisegnare il Civic Center potenziato come luogo di incontro, scambio, cultura ed ascolto, valorizzando le realtà che già vi operano (citiamo ad esempio AUSER, Associazione Musica Insieme, Sportello Donna oltre al ruolo chiave della Biblioteca), con l’obiettivo di favorire sinergia e cooperazione. Il tutto con lo sguardo proiettato verso  le diverse realtà sociali del territorio, con l’obiettivo di coinvolgerle nell’offerta di servizi all’interno del Centro stesso, come già positivamente sperimentato durante l’attuale Amministrazione con la gestione condivisa dell’aula studio, e sempre mantenendo un dialogo sinergico e costruttivo nell’interesse della collettività.

Questa è la nostra idea per fare del Civic Center un spazio aperto, inclusivo, ove possa essere favorito lo scambio culturale e intergenerazionale come vera fonte di ricchezza. Uno spazio che crea valore!

L’obiettivo è di coinvolgere, nell’ offerta di servizi all’interno del Centro stesso, le diverse realtà sociali.

Cosa non mancherà:

  • Sportello Donna

  • Sportello Ascolto

  • Sala Studio

  • Biblioteca

  • Laboratori con le associazioni (musica, arte, lingua…)

  • Sede Auser 

  • Spettacoli ed intrattenimenti

Come?

Con una nuova modalità di gestione che veda in prima linea le associazioni locali che già vivono lo spazio. 

 

1.4 Sport

Nuova palestra per le scuole elementari

Dopo aver ottenuto un contributo che ha coperto il costo totale del progetto, si può procedere alla realizzazione della palestra che sostituisce l'attuale, ormai inagibile. La struttura, al servizio della scuola primaria, permetterà di essere utilizzata anche da associazioni locali. Questa è una delle priorità irrinunciabili.

 

Sport Village

Nel prossimo mandato è nostra intenzione riattivare lo Sport Village come spazio destinato alla ricreatività e allo sport. La strada individuata è quella di una Partnership Pubblico-Privata, che consenta ad un operatore interessato di intervenire sull’area, riattivandola e gestendola. É tutt’ora in corso un confronto con una realtà pronta ad intervenire. Per agevolare il dialogo con imprese, associazioni ed operatori, negli scorsi anni abbiamo predisposto uno studio di fattibilità che mostra l’ipotesi di sviluppo dell’area e che è l’elemento essenziale per permetterci di candidare l’intervento su Bandi di Finanziamento Pubblici.
Sì, l’area è ormai dismessa da molto tempo: siamo consapevoli che l’impegno economico per la sola amministrazione sarebbe molto importante e, nelle priorità che fino ad oggi ci siamo dati, abbiamo ritenuto non opportuno investire più di 500.000 € su Sport Village, avendo in essere le criticità della Palestra delle Scuole Elementari, la realizzazione della Scuola Materna e della Mensa, la riqualificazione degli edifici delle scuole e la cura delle nostre strade. Ci adopereremo per un rilancio della struttura che coinvolga investitori esterni o che intercetti finanziamenti importanti. 

 

Migliorare e incrementare le strutture sportive comunali

Negli ultimi 10 anni numerosi sono stati gli interventi sulle strutture comunali, a partire dallo stadio di viale Ponte Vecchio fino alla palestra delle scuole medie. Sono stati inoltre realizzati nuovi spazi pubblici dedicati allo sport come il Percorso Vita di via Fratelli Rosselli e il playground di Basket al Parco Ca’ Magna. 

Intendiamo continuare ad incrementare le strutture sportive realizzando in primis un campo da Beach Volley e valutando successivamente la realizzazione di ulteriori spazi anche a seguito di un confronto con i cittadini. 

Valuteremo, compatibilmente con le risorse disponibili a bilancio, ulteriori interventi di manutenzione e/o ampliamento delle strutture sportive esistenti. 

 

Sport a scuola

Il progetto Sport a Scuola, che propone corsi organizzati dalle Associazioni Sportive durante l’orario scolastico e una festa a fine anno, dà un valore aggiunto all’offerta formativa. È nostra intenzione continuare a promuovere e ampliare il progetto perché coinvolga non solo gli studenti delle elementari ma anche quelli delle medie.

 

1.5 Ex Scuola Materna 

Una volta pronte la nuova Scuola Materna e la Nuova Mensa, presso il polo scolastico di via Galilei, l’attuale stabile di via Porta Rocca. Questo creerà numerose opportunità per il nostro territorio. Il nostro progetto prevede di trasformare questo luogo, storicamente dedicato all’infanzia, in un polo innovativo dedicato alle famiglie e alla conciliazione tra vita e lavoro. Per questo, andremo ad insediare principalmente tre funzioni che in moltissime esperienze italiane hanno dimostrato di funzionare molto bene insieme:

  1. Un Asilo Nido gestito da un soggetto esterno (azienda, cooperativa, associazione…) e convenzionato con l’amministrazione, permetterà di ampliare l’offerta di un servizio fondamentale per il futuro dei rivoltani, calmierandone i prezzi e facilitando così l’accesso da parte di fasce sempre più larghe di utenti.

  2. Spazio di Coworking e Smartworking: consapevoli che queste modalità di lavoro si stanno sempre più consolidando, struttureremo alcuni locali destinati ad ospitare professionisti che possono lavorare “da remoto” e che hanno bisogno di uno spazio fuori dalla propria abitazione. Uno spazio con servizi di base, ma anche con la possibilità di ricevere maggiori stimoli e creare nuovi legami e collaborazioni.

  3. Spazio per le associazioni: il corpo centrale dell’edificio si presta infine ad ospitare alcune particolari attività delle associazioni locali, arricchendo così lo spazio che potrà essere vissuto in tutte le ore della giornata. 

  4. Giardino pubblico: lo spazio verde verrà riqualificato per essere utilizzato dai rivoltani durante gli orari di apertura della struttura. 


 

  1. PER LA FAMIGLIA 

In continuo confronto

Dall’esperienza degli scorsi anni e di questi ultimi mesi, sappiamo quanto sia importante avere un costante confronto con chi usufruisce dei servizi che eroghiamo come amministrazione e, più in generale, con chi vive una particolare situazione di vita. 

Come primo punto di programma, per la famiglia, abbiamo voluto mettere quello della comunicazione e del dialogo: vogliamo costruire modalità di confronto con le famiglie rivoltane perchè trovino in paese tutti i servizi e tutte le opportunità che possano permettergli di crescere. 

Per questo organizzeremo incontri periodici e struttureremo questionari (prassi già utilizzata soprattutto durante l’emergenza covid) per comprendere al meglio le esigenze e costruire, insieme, soluzioni ottimali. 

 

2.1 Per l’educazione e la scuola

Un Asilo Nido nell'ex Scuola Materna 

La prossima messa a disposizione dell’edificio della scuola materna, acquisito nel corso di questi ultimi anni, permetterà di poter utilizzare uno stabile poliedrico e in grado di offrire locali utili per diverse opportunità con minimi lavori iniziali di adeguamento. Un asilo nido gestito da un soggetto esterno (cooperativa, azienda od associazione), convenzionato con l’amministrazione, permetterà di ampliare l’offerta di un servizio fondamentale per il futuro dei rivoltani, calmierando i prezzi e prevedendo specifiche agevolazioni, come gli sconti per i fratelli, facilitando così l’accesso da parte di fasce sempre più larghe di utenti. 

 

Nuova Scuola Materna e Nuova mensa - verso l’inaugurazione

Il complesso, ormai in avanzata fase di costruzione e frutto di un contributo statale  a fondo perduto pari all’80% del suo valore finale. Permetterà di offrire un ambiente finalmente adeguato ai bambini che si affacciano al percorso scolastico, risolvendo al tempo stesso le criticità legate alla mancanza di un locale mensa per tutti gli studenti delle nostre scuole e per gli anziani. I locali della mensa, inoltre, sono strutturati in modo tale da poter offrire a tutta la comunità rivoltana degli spazi polivalenti con dimensioni tali da sopperire ad una mancanza del nostro paese: una sala al chiuso per spettacoli, conferenze ed eventi. 

Al contempo, con il trasferimento di Scuola Materna e mensa, si libereranno importanti spazi per la collettività, quali la Ex Scuola Materna e l’attuale mensa presso il Civic Center.

 

Re-istituzione del Piedibus

La mobilità lenta, sempre più invocata in questi tempi, non può prescindere dall’educare i bambini al ricorso a mezzi di movimento semplici, più adeguati e salutari degli attuali, soprattutto per vivere in un bel paese come il nostro. L’esperienza del piedibus a Rivolta ha avuto un percorso difficile, legato al difficile ricambio dei volontari che gestivano il servizio. La nostra intenzione, nonostante gli sforzi già fatti, è di riproporre il servizio, alla luce della maggiore coscienza ambientalista che si sta evidenziando tra i genitori ed in funzione di rinnovate disponibilità ventilate dai volontari.

 

Re-istituzione del servizio Scuolabus 

Se negli ultimi anni siamo stati costretti a sospendere il servizio dello scuolabus, questo è stato sostanzialmente per due motivi: l’elevatissimo costo del servizio - che avremmo dovuto chiedere di sostenere alle famiglie -  e la mancanza di aziende interessate ad erogare il servizio.
Questo non significa che per noi il servizio non sia fondamentale, soprattutto nell’ottica di una riqualificazione generale del Polo Scolastico e della promozione di una mobilità dolce e sostenibile. 

Per questo valuteremo tutte le possibilità di re-istituzione del servizio partendo dal confronto con le famiglie per comprendere le effettive necessità. Una possibile soluzione è quella di procedere con l’acquisto di un mezzo comunale che possa quindi soddisfare le esigenze degli studenti e di altre iniziative. Attraverso l’affidamento del solo servizio di autista ad un soggetto esterno, il costo risulterebbe ridotto e maggiormente accessibile anche per le famiglie. 

 

Servizio Mensa 

La nuova mensa, verrà inaugurata nell’ambito del complesso scolastico. Permetterà la razionalizzazione della preparazione pasti, senza necessità di trasporto dalla cucina al locale mensa, nella piena garanzia delle norme e con la possibilità di avere ampi spazi a disposizione anche degli anziani ancora autosufficienti.

Crediamo che l’occasione della refezione sia un fondamentale momento educativo e di crescita per i nostri bambini, vogliamo quindi che venga sempre più scelto dalle famiglie. Per questo, con la riassegnazione del servizio prevista per il prossimo anno, puntiamo ad un suo miglioramento perché risponda tanto a criteri di qualità che alle esigenze economiche delle famiglie. 

 

Centro Estivo 

L’esperienza di tutti questi anni ha permesso di constatare l’utilità del servizio, ad integrazione e completamento temporale di analoghe iniziative gestite per esempio dall’oratorio. Ha anche evidenziato la necessità di un’organizzazione molto attenta e dell’individuazione di società ben strutturate in grado di fornire un servizio adeguato, professionale ed accattivante per i ragazzi. Questa è la strada che continueremo a percorrere, forti del consenso avuto fino ad ora. 

Siamo inoltre consapevoli che le esigenze delle famiglie stanno cambiando, richiedendo orari e servizi spesso differenti dalla tradizionale offerta. 

Proporremo un’offerta che copra sempre di più queste esigenze, includendo iniziative saltuarie anche nei weekend e negli orari tardo pomeridiani.
Per poter costruire un modello rispondente alle necessità delle famiglie, il dialogo con loro sarà fondamentale.

 

Percorsi di pre e post scuola ed extra scolastici 

Sostenere i ragazzi aiutando i genitori, spesso impegnati nel lavoro, diventa una necessità sempre più  evidente. Gli orari scolastici spesso creano spazi prima e dopo l’inizio della scuola che mal si conciliano con le esigenze dei genitori. Sviluppare servizi integrativi, non solo di pura sorveglianza dei ragazzi, ma ricchi di spunti  creativi è un nostro obiettivo. Questo tipo di servizio non potrà prescindere da una compartecipazione economica da parte delle famiglie, con modi e tempi da definire insieme, in continuità con quanto fatto negli scorsi anni. Sempre in ottica di una risposta sempre più adeguata alle esigenze  dei rivoltani.

 

Associazioni a Scuola

Sulla base dell'esperienza del corso di musica organizzato dalla Banda o del progetto Sport a Scuola (teatro, fotografia, ecologia), promuovere la presenza delle Associazioni a scuola, perché propongano, di concerto con il corpo docenti, lezioni e interventi volti ad ampliare l’offerta formativa e ad educare, sensibilizzare e avvicinare i nostri bambini e ragazzi alle tematiche che le associazioni stesse promuovono.

 

2.2 Servizi

Baby-sitter, Badanti, Ripetizioni: uno sportello per trovare il proprio supporto familiare

Attiveremo, collaborando con realtà associative locali, uno sportello e dei servizi che aiutino le famiglie a trovare l’aiuto referenziato di cui hanno bisogno per gestire al meglio le proprie esigenze. Il tutto valorizzando esperienze esistenti o pregresse e garantendo trasparenza e supporto. 

 

2.3 Per i Giovani

Sala Studio

Incrementeremo gli spazi e i servizi della Sala Studio, a disposizione dei giovani di Rivolta. Il servizio ha riscosso un grande successo e pensiamo sia importante individuare spazi che i giovani possano vivere e gestire in autonomia. 

 

Spazi sportivi

Creeremo nuovi spazi sportivi liberi e accessibili a disposizione dei giovani di Rivolta. Pensiamo ad esempio al campo da Beach Volley, che andrà ad “affiancarsi” come strategia al già esistente campo da Basket. 

 

Protagonismo giovanile

Sulla scorta dell’esperienza dell’incontro di orientamento dello scorso febbraio, apriremo l’amministrazione perché accolga proposte di gruppi di giovani e ne favorisca l’attuazione. Rendendo, di fatto, i giovani protagonisti della vita della comunità.  


 

  1. PER LE FRAGILITA’ 

Equipe per il sociale

Istituziremo un Tavolo di coprogettazione permanente tra l’Amministrazione Comunale e gli operatori del sociale. Obiettivo è mettere in sinergia competenze, conoscenza del territorio ed esperienze delle varie realtà attive a Rivolta d’Adda per permettere una risoluzione più efficace delle problematiche, una presa in carico delle persone fragili più rispondente ai casi specifici attraverso una miglior capacità progettuale. 

 

3.1 La Salute e il Benessere

Un consultorio all’Ospedale Santa Marta

L’Ospedale Santa Marta nei prossimi anni andrà verosimilmente incontro ad una riqualificazione definita a livello regionale. Tuttavia nel 2020 ci siamo impegnati per la stesura di un documento condiviso con gli altri Sindaci del territorio cremasco al fine di sottolineare la crucialità della nostra struttura sanitaria. Questa mozione sottolinea la possibilità di realizzare a Rivolta un Presidio Socio-Sanitario Territoriale (PreSST) che funga da riferimento per i comuni dell’alto cremasco, che preveda un potenziamento dei servizi diagnostici, ambulatoriali e sociosanitari da offrire. Le recenti modifiche alla legge regionale 23/2015, fanno intravedere inoltre ulteriori sviluppi in questo senso, con le ”case della salute”, che potrebbe avere nel nostro Ospedale una sede ideale.

Nell’ottica di sottolineare l’importanza della struttura ospedaliera e le sue opportunità di crescita al servizio del territorio circostante, per la Rivolta di domani ci siamo concentrati anche su un bisogno preesistente alla pandemia: e lavoreremo per riuscire ad avere un consultorio familiare presso l’Ospedale Santa Marta.

Il consultorio valorizzerà in modo strutturato alcune iniziative già presenti sul territorio, quali quelle operanti in termini di ascolto e supporto (Sportello Donna) e prevenzione (LILT). La cittadinanza attiva di alcune donne ha portato ad inizio 2019 alla costituzione del gruppo MammaM: un laboratorio di idee e iniziative, in risposta esattamente a questo tipo di esigenza. Un consultorio a Rivolta consentirà di avere a disposizione un luogo di ascolto e supporto per tutta la famiglia.

 

Sportello Ascolto 

Da anni è attivo un servizio di ascolto specifico per le donne, e investiremo per dare un punto di ascolto e supporto orientativo, pratico e psicologico anche a diverse fasce della popolazione. Realizzeremo un unico spazio che ospiti, secondo un calendario condiviso, queste varie opportunità per i cittadini. Sarà al Civic Center, luogo di comunità privilegiato.
Per attivare questo sportello ci avvarremo della collaborazione con enti del terzo settore e professionisti del territorio e con il personale comunale, che potranno lavorare in equipe.

In particolare:

  • costruito per adolescenti, pre-adolescenti e le loro famiglie, per un sostegno in una fase delicata della crescita e ancor più difficoltoso nel contesto attuale. Importante sarà la sinergia tra questo sportello e il Consultorio che vogliamo portare a Rivolta, così come l’alleanza con gli istituti scolastici e con tutti i presidi educativi per promuovere anche le politiche di orientamento allo studio e al lavoro. 

  • rivolto ai caregiver, che si dedicano alla cura di una persona che vive una condizione di fragilità, disabilità, malattia o non autosufficienza. È importante che queste persone, spesso caricate di grandi responsabilità e fatiche, possano trovare uno spazio di ascolto e di supporto.

  • per persone straniere, grazie alla presenza di un mediatore culturale, perchè all’arrivo nel nostro paese trovino uno spazio in cui orientarsi rispetti ai servizi, alle pratiche e alle prime necessità che possono incontrare

  • antidiscriminazione: un punto in cui qualunque persona che si senta discriminata possa rivolgersi per un momento di ascolto e confronto e/o per essere indirizzato nelle sedi più opportune per affrontare il proprio disagio. 

  • rivolto alle famiglie, in cui possano trovare tutte le informazioni circa i servizi di cui possono avere necessità (infanzia, scolastici, economici, per anziani…). 

 

Sostegno ai cittadini – Sgravi e Agevolazioni sulla base dell’ISEE

Monitoreremo i servizi legati alle fasce ISEE perché, di fronte ad una possibilità di bilancio, si valutino attentamente ipotesi di innalzamento della soglia di esenzione su specifici servizi o tassazioni.

 

3.2 Povertà

Alleanze per il lavoro

Creeremo un tavolo di lavoro con tutti i soggetti territoriali attivi nell’ambito dell’occupazione per condividere politiche e strategie che possano favorire l’ingresso nel mondo del lavoro di persone disoccupate, per quanto di competenza dell'amministrazione pubblica.  

 

Aiuti economici in cambio di attività socialmente utili

La crescente necessità  di aiutare persone in difficoltà economica non può  prescindere dal fatto di avere dai beneficiari degli aiuti un ritorno, nei modi e nei tempi possibili. Per ora poche sono le realtà in cui questo meccanismo è  stato attivato, ma è nostra intenzione, anche sulla scorta di queste esperienze, riuscire a delineare un protocollo che sia facile da applicare e soddisfacente per tutte e due le parti.

Proponiamo quindi un modello di welfare e di assistenza sociale che promuova sempre la collaborazione e la crescita di tutti i soggetti coinvolti, non un modello solamente assistenzialista. Riteniamo che questo sia l’unico modo per migliorare davvero le condizioni di fragilità delle persone.

 

Emergenza abitativa - Manutenzione delle abitazioni popolari

Rivisitare la convenzione con Aler per la gestione degli immobili abitativi di proprietà pubblica per migliorare l’utilizzo e le attività di manutenzione. Interverremo sugli immobili maggiormente ammalorati per garantire la piena fruibilità di tutto il patrimonio. 

 

Sostegno alle persone in difficoltà

Accanto ai consueti strumenti di sostegno economico, individuare metodi di sostegno alle situazioni di povertà, anche riprendendo l'attività di distribuzione del pane a fine giornata e di raccolta di alimenti, in collaborazione con la Caritas parrocchiale.

 

3.2 Contrasto alle dipendenze

Promuovere momenti di sensibilizzazione rispetto alla piaga delle dipendenze

Partendo dalle esperienze già realizzate di sensibilizzazione sul tema delle dipendenze da alcol, droga e gioco, struttureremo nuove occasioni valorizzando la collaborazione con l’U.O. di Riabilitazione da Dipendenze e con l’Associazione l’Approdo, che vogliamo sempr epiù presente a Rivolta. Per realizzare questo progetto coinvolgeremo in primis le istituzioni scolastiche, ma anche associazioni e gruppi giovanili.

 

Ludoteca

Realizzeremo uno spazio di gioco sano all’interno del Civic Center, partendo anche dalla positiva esperienza del progetto “A volte capita che… il gioco prenda una brutta piega”

 

Supporto e collaborazione con l’Unità di Riabilitazione da Dipendenze dell’Ospedale Santa Marta

Viste le forti difficoltà attraversate dall’U.O. di Riabilitazione da Dipendenze nell’ultimo periodo, anche a causa di mancanza di personale e della situazione pandemica, intendiamo - per quanto di nostra competenza - continuare a lavorare per il mantenimento del reparto e della sua eccellenza. 

 

 

  1. PER LE PARI OPPORTUNITA’

 

4.1 Disabilità

Continuare il lavoro di abbattimento delle barriere architettoniche

In tutte le opere di manutenzione che andremo a realizzare, presteremo attenzione all’abbattimento delle barriere architettoniche. Pensiamo in particolare ai marciapiedi o agli accessi di spazi verdi pubblici. 

 

Offrire momenti di inclusione e integrazione attraverso scuole, eventi, opportunità lavorative

Continuando il lavoro degli anni passati intendiamo sviluppare progetti di inclusione su diversi ambiti della vita di una persona incentivando il benessere di tutta la comunità e la crescita dell’autonomia e dell’autostima delle persone. In particolare:

  • Sport: continueremo a supportare il lavoro della squadra di Basket Integrato e di altre realtà che vorranno aprire a sport inclusivi. 

  • Attività: realizzeremo, presso il Civic Center, uno spazio aperto al pubblico e gestito dalle diverse realtà del territorio che lavorano con le disabilità. Pensiamo ad un piccolo bar o shop da costruire in co-progettazione.

  • Eventi: sulla scorta di esperienze pregresse continueremo a organizzare eventi in collaborazione con le realtà che si occupano di disabilità sia con loro specifici eventi, sia partecipando attivamente all’organizzazione di attività di altri soggetti (come per il Convivio o il Mondo in Piazza). Viste le positive esperienze della Parata di Sant’Alberto 2019 e del Festival del 2021 che si sono svolte, tra le varie location, anche presso Camminiamo Insieme e Casa Famiglia, continueremo a chiedere ospitalità per occasioni culturali.

  • Scuola: sulla scorta di esperienze pregresse promuoveremo l’organizzazione di laboratori con le classi delle scuole primaria e secondaria di primo grado insieme a Camminiamo Insieme e Casa Famiglia. Pensiamo a momenti creativi o di volontariato. 

  • Occasioni di occupazione: favoriremo progettualità che permettano a persone con disabilità di sperimentarsi in piccole attività lavorative. In quest’ottica da un lato apriremo il dialogo con le imprese locali individuando operazioni che possono essere svolte anche da persone con disabilità, dall’altro supporteremo progetti interni alle associazioni che sviluppino manualità e la produzione di piccoli manufatti. 

 

Progetto Dopo di Noi di Camminiamo Insieme

Nel novembre 2019 è partito il progetto Dopo di Noi dell’Associazione Camminiamo Insieme, alla Casa Colnaghi. Riteniamo che questo sia un esempio virtuoso di integrazione e concreto supporto alle famiglie dei giovani con disabilità e ai giovani stessi, impegnati in un percorso di autonomia. Nostra intenzione è supportare il servizio e promuovere - in accordo con l’associazione - una collaborazione tra amministrazione e associazione stessa.

 

Scuola per tutti

Sarà prevista una voce ulteriore di spesa nel Piano di Diritto allo Studio per l’acquisto di manuali di testo e/o di altri supporti didattici, dedicati agli studenti portatori di disturbi del comportamento o dell’apprendimento.

 

Informazioni per tutti

Procederemo alla graduale integrazione dei pannelli informativi presenti sul territorio con parti in Braille.
Offriremo corsi per apprendere il linguaggio dei segni rivolti al personale comunale e al personale delle associazioni che prevedono momenti di interfaccia con il pubblico. 

 

4.2 Anziani

Eliminare il Divario Digitale

Come già sperimentato negli anni passati, offriremo corsi e momenti di affiancamento agli anziani che faticano ad usare mezzi tecnologici quali pc, smartphone e tablet perché diventino sempre più autonomi nell’uso di questi strumenti.

Contestualmente struttureremo un servizio di supporto all'uso degli strumenti tecnologici per persone con più di 70 anni, non pensando solo alle necessità più quotidiane e concrete (come Spid, Home Banking, prenotazioni sanitarie, aiuto per la spesa a domicilio) ma anche tenendo ben presente l'assoluta necessità dei mezzi tecnologici di oggi per mantenere la socialità dell'anziano.

Per realizzare questi servizi ci avvarremo degli spazi della nostra Biblioteca e di collaborazioni con associazioni locali. 

 

Orientamento ai Servizi

Favoriremo l’accessibilità ai servizi attraverso azioni finalizzate ad orientare e accompagnare le famiglie e i cittadini verso le realtà presenti nel territorio. Coniugando uno sguardo attento ai bisogni della persona e una conoscenza profonda dei servizi, è possibile rendere più efficiente la presa in carico di situazioni di complessità, fragilità o necessità. Intendiamo strutturare questa opportunità dedicando attenzione alla globalità della vita delle persone, riferendoci alla salute, alle esigenze quotidiane, ma anche al benessere sociale, relazionale e individuale.

 

Sensibilizzare contro le truffe

Sulla scorta di esperienze promosse negli anni passati, continueremo l’attività di sensibilizzazione contro le truffe agli anziani con incontri rivolti agli anziani stessi e alle famiglie. Per farlo continueremo il lavoro in sinergia con le Forze dell’Ordine. 

 

Al centro della comunità

Per noi le persone anziane sono in primo luogo una continua risorsa nonostante possano avere esigenze specifiche.
In tal senso, realizzeremo progetti che li coinvolgano nella vita attiva del paese non solo pensando al volontariato e all’associazionismo, ma anche coinvolgendoli in attività quali ad esempio:

  • Cucire per tutti: realizzazione di coperte e/o indumenti per persone bisognose

  • Nonni in prestito: creare momenti di scambio intergenerazionale in cui le persone anziane possono interagire con le famiglie con bambini durante le attività presso il Civic Center. 

  • Te lo insegno io: valorizzare le competenze delle persone anziane per socializzarle con tutta la comunità.

 

4.3 Superamento della disparità di genere

Diversi sono gli strumenti e gli ambiti in cui si può intervenire per contrastare le disparità di genere e, quindi, per garantire pari opportunità tra uomo e donna. Nel nostro programma in questa sezione abbiamo raccolto le azioni che riguardano il supporto a situazioni di violenza e quelle di educazione. Parlare di parità per la donna, significa molto spesso anche parlare di conciliazione vita-lavoro. Nella nostra visione questo è un tema che va declinato pensando all’intera famiglia, di ogni tipo.  

 

Sportello Donna 

Ci impegneremo a mantenere attivo il servizio che abbiamo avviato dieci anni fa grazie alla convenzione con la Sirio CSF Cooperativa Sociale onlus, continuando a lavorare per la promozione di questo servizio e a contrastare gli stereotipi di genere. Creeremo inoltre una pagina web facilmente accessibile e che raccolga tutte le informazioni utili per accedere a tutti i servizi di aiuto per donne in difficoltà.

 

Educare per Prevenire

Promuoveremo la sensibilizzazione tra i giovani alla considerazione e al rispetto di genere è fondamentale per la costruzione di una comunità che respinga ogni forma di discriminazione e che sia aperta al dialogo, al confronto e alla diversità – intese come motori di processi di crescita individuali e collettivi consapevoli e arricchenti. Temi che vogliamo trattare, ad esempio, sono il contrasto alla violenza di genere e l’uso di linguaggio non sessista.  

 

4.4 Comunità straniere e migranti

Gli stranieri sono attualmente il 10% della popolazione rivoltana, hanno gli stessi bisogni della popolazione italiana ma le possibili difficoltà aggiuntive legate a lingua e discriminazione. Noi crediamo nell’inclusione come sola via per la crescita dell’intera società, e opereremo sostenendo le realtà associative affinchè continui sul territorio l’erogazione di servizi importanti quali i corsi di lingua o ad interventi mirati utili all’integrazione

 

Mediatore Culturale

All’interno dello Sportello Ascolto troverà spazio la figura del Mediatore Culturale che affiancherà i migranti nell’accesso ai servizi della pubblica amministrazione, nell’orientamento rispetto a pratiche ed adempimenti, nell’avvicinamento a quelle opportunità di inclusione che il territorio offre. 

 

Scuola di Italiano per Stranieri

Continueremo a sostenere il lavoro delle Acli con la Scuola ITAcli, che eroga corsi di italiano per adulti stranieri e che da diversi anni offre il corso di italiano al mattino dedicato alle donne straniere.
Inoltre vogliamo strutturare uno spazio di apprendimento della lingua italiana per i bambini in età scolare in momenti extrascolastici. Pensiamo ad un dopo-scuola che, integrandosi con le offerte per i bambini, dedichi particolare attenzione alla risoluzione di gap linguistici attraverso momenti di aiuto-compiti e gioco. 

 

Proporre momenti di incontro e conoscenza tra le diverse culture presenti a Rivolta

Continueremo a favorire l’organizzazione di giornate di incontro e di condivisione tra le diverse etnie che popolano il nostro paese: tema del cibo, tema degli usi e costumi, tema della musica, tema della religione.

 

Inclusione per i bambini

Promuoveremo, anche con il supporto del mediatore culturale, la partecipazione alla vita del paese e ai percorsi educativi per i bambini stranieri fin dalla primissima infanzia.

 

Informazioni per tutti

Provvederemo a tradurre nelle principali lingue parlate a Rivolta gli avvisi e le informazioni dell’Amministrazione Comunale.


 

  1. IL DISEGNO DEL PAESE CHE VOGLIAMO

 

5.1 Territorio

Rigenerazione Urbana e minor consumo di suolo

La sfida della riduzione del consumo di suolo è al centro delle politiche e delle priorità non solo di Rivoltiamo ma della maggior parte del paese. 

Coerentemente con quanto indicato dalla normativa regionale e compatibilmente con i diritti dei privati, proprietari di terreni edificabili, vogliamo individuare aree da restituire al verde, cambiandone la destinazione d’uso.
Questa azione vedrà in primo luogo interessate aree di proprietà dell’amministrazione comunale che muteremo da edificabili ad aree verdi. In secondo luogo apriremo tavoli di confronto e dialogo con le proprietà private.

Attueremo inoltre tutti gli incentivi a disposizione della pubblica amministrazione per promuovere il recupero di immobili dismessi o sottoutilizzati, favorendo il recupero del patrimonio edilizio rispetto alle nuove costruzioni. 

 

Rinnovo del PGT

Approvato nel 2015, il nostro PGT pur avendo recepito le recenti indicazioni regionali sul rispetto del suolo e la rigenerazione di aree dismesse o  da riqualificare, a distanza di sette anni necessita di alcuni aggiustamenti, frutto del riscontro avuto da tecnici ed operatori di settore e da richieste formulate nel tempo da imprenditori e che, seppure condivisibili, non hanno potuto essere recepite o semplicemente discusse proprio per le norme in vigore. La revisione del piano di governo del territorio sarà necessaria anche per risolvere le problematiche viabilistiche e recepire tutte le nuove normative, ancora in evoluzione, in merito a consumo del suolo e rigenerazione urbana. 

A seguito anche delle numerose richieste delle proprietà e di operatori esterni dell’area artigianale a nord del paese, in fase di ristesura del PGT provvederemo a modificare la destinazione d’uso ampliando la possibilità di realizzare anche spazi commerciali. 

 

5.2 Manutenzioni e decoro urbano

Asfalti

Con interventi annuali, proseguiremo il lavoro di riasfaltatura delle strade del paese, partendo da quelle più ammalorate e mantenendo monitorata la situazione delle vie. 

 

Marciapiedi

Una grave criticità del nostro paese è rappresentata dalla mancanza in alcune vie dei marciapiedi o dalla pessima condizione in cui (questi ultimi) si trovano molti di quelli esistenti. Gli interventi di manutenzione stradale verteranno quindi, oltre alle asfaltature, alla creazione dei marciapiedi (come in via Monte Grappa) o alla riqualificazione dei marciapiedi partendo dall’intervento di viale Piave e poi dai marciapiedi delle vie Marx, Galvani, Maiorana, Archimede, Marco Polo, Bottego, Verdi...

 

Prosecuzione dell’attività di manutenzione delle scuole e degli stabili comunali 

Gli stabili, ormai datati nella loro edificazione, in questi anni sono stati sottoposti a costanti controlli per valutarne la tenuta in caso di eventi sismici. Contemporaneamente sono stati oggetto di una costante manutenzione, con importanti investimenti nell'efficientamento energetico (serramenti, copertura, impianto di riscaldamento e illuminazione, rifacimento dei bagni, tinteggiatura dei locali) allo scopo di offrire un ambiente confortevole e sano per i ragazzi. Gli interventi che vogliamo mettere in programma sono, in primis, il rinnovo dell’impianto di riscaldamento della scuola primaria e il rifacimento dei bagni delle scuole medie, oltre alla già citata palestra per la scuola primaria.

Pensando alla didattica, invece, lavoreremo per la sostituzione degli arredi valutando, di concerto con l’Istituto e i docenti, la possibilità di realizzare aule innovative.

 

Interventi sulla zona cimiteriale

Per migliorare la zona cimiteriale interverremo riqualificando l’area di parcheggio con nuove alberature. Abbiamo individuato inoltre come necessari gli interventi di realizzazione delle cellette lato sud, la sostituzione dei vialetti in ghiaia con vialetti accessibili, la riqualificazione del portale d’ingresso e la sostituzione della cartellonistica. Valuteremo quindi il reperimento di risorse per programmare questi interventi. 


 

  1. MUOVERSI A RIVOLTA - VIABILITA’ 

Un paese a 15’

Il nostro obiettivo è incentivare la mobilità dolce e sostenibile. Riprendendo il concetto europeo delle “città a 15 minuti”, lavoreremo per garantire ad ogni cittadino di poter raggiungere tutti i principali servizi del paese a piedi e in sicurezza in meno di 15’ (pensiamo ai negozi, all’ospedale ma anche ai parchi e ai luoghi di svago). 

La socialità del paese, e la vivibilità del territorio per i cittadini e le fasce più fragili si collocano per noi nel concetto di walkability. L'obiettivo è incentivare il mantenimento di uno stile di vita sano anche durante tutta la vita di una persona, anche con l'avanzare dell'età, rimuovendo o mitigando i timori legati dall'affrontare taluni tratti di viabilità.

 

Per questo tutti prioritari sono per noi gli interventi sulla viabilità, così come quelli sulla riqualificazione delle aree verdi. 

 

6.1 Nuove strade, nuova viabilità

Una bretella tra “area Faster” ed SP 90

Il piano residenziale di espansione a sud del paese, il famoso Atr1, che nel master plan prevede già  una strada di scorrimento a sud dell’abitato, permetterebbe di alleggerire il passaggio di mezzi pesanti sul territorio, a fronte di un impegno economico e di consumo di suolo di basso impatto.

 

L’ innegabile aumento del traffico pesante dovuto alla presenza della zona industriale a sud-ovest del paese e alla prossima espansione Faster deve essere affrontato, sulla base di riscontri effettivi e legati all’evoluzione delle aziende insediate nel nostro territorio. Questo comporta  un collegamento leggero fra la zona  industriale e la SP 90. Il percorso, in via di costruzione, è già in linea di massima previsto in fase di stesura del piano stesso.

 

Viale Piave: riqualificazione nell’ottica della mobilità lenta

Viale Piave a misura di bambino: perché tutti possano raggiungere in sicurezza e serenità non solo il polo scolastico, ma anche gli spazi delle Suore Adoratrici. L’intervento, per noi prioritario, è iniziato con l’avvenuta selezione della progettista.

 

Il nuovo insediamento scolastico rende necessaria una rivalutazione della viabilità del polo: esistono evidenti criticità che si palesano in particolari momenti della giornata. La rivisitazione di viale Piave sarà il segnale principale della svolta che immaginiamo per la nostra complessa viabilità:  un intervento importante. Oltre al rifacimento del fondo stradale, prevede la messa a disposizione di passaggi protetti per i pedoni e un trattamento conservativo per le piante, ora  “costrette” in spazi angusti per le radici, che hanno quindi causato il dissesto dei marciapiedi.

 

Gli obiettivi che vogliamo raggiungere con il nuovo viale Piave sono:

  • Riduzione del numero e della velocità delle autovetture

  • Eliminazione definitiva del passaggio dei mezzi pesanti

  • Incentivo alla mobilità dolce, con spazi dedicati a chi sceglie di muoversi a piedi o in bicicletta

  • Salvaguardia di alberature, che del viale sono il tratto distintivo.

 

Via 2 giugno: senso unico ed anello con via Fermi

Questa via è molto stretta: molti automobilisti eccedono nella velocità durante la percorrenza. Anche al fine di migliorare la circolazione sul brutto incrocio tra via Marx, via 2 giugno e via Galilei, abbiamo intenzione di rendere Via 2 Giugno un senso unico in uscita. Tale intervento verrà realizzato solo e soltanto dopo aver messo in comunicazione via 2 giugno e via Galvani, in modo da mitigare i disagi agli abitanti di via 2 giugno. Inoltre, tale intervento ci permetterà di riqualificare il parchetto cosiddetto “del Cremo”. Aumentando il passaggio davanti ad esso ed intervenendo con nuove attrezzature per l’area verde, grazie alla nuova strada di congiunzione fra via 2 giugno e via Galvani, questo spazio sarà più controllato e sorvegliato.

 

Via Gramsci: diminuzione del traffico 

Dopo l’individuazione di via Gramsci come percorso per i trasporti di linea, avvenuto ormai alcuni decenni fa, l’istituzione del senso unico su viale Ponte Vecchio ha innegabilmente riversato su via Gramsci un carico veicolare importante. Seppure completamente riqualificata, negli ultimi anni sono emerse con ancor più forza alcune criticità viabilistiche dovute da un lato alla velocità di transito delle auto, dall’altro dall’importante numero di mezzi pesanti e autobus che transitano sulla via.. Se da un lato l’intervento della “bretella” a sud del paese porterà benefici anche su questa area del paese, dall’altro agiremo per ridurre e poi spostare in un secondo tempo il flusso di autobus. Questo è possibile in prima battuta dividendo i percorsi di entrata e uscita degli autobus, oltre che continuando il lavoro di confronto con l’Agenzia per il Trasporto Pubblico locale per una revisione di tutto il servizio più rispondente non solo alle esigenze del quartiere, ma anche e soprattutto a quelle dei pendolari. 

 

Via Monte Grappa, completamento del marciapiede 

L'impossibilità di tombinatura del corso d’acqua su viale Montegrappa, al pari di Viale Piave, impone scelte alternative per permettere ai pedoni e alle biciclette uno spostamento in sicurezza. Il vecchio progetto dei marciapiedi a sbalzo sulla roggia torna alla ribalta ed appare come la via da perseguire.

 

Via Buonarroti, via Stampa, via Bernini

L’incrocio tra le tre vie risulta ad oggi poco chiaro. Nostra intenzione è migliorare la viabilità attraverso un’isola centrale che delinei i percorsi che le vetture devono seguire per imboccare le varie strade. 

 

Zona U2

Altra problematica che vogliamo risolvere è quella della sosta di molti autotrasportatori nella zona dell’U2. Il nuovo polo logistico realizzato a Casirate ha indubbiamente generato delle pesanti ricadute anche sul nostro territorio. La presenza dei Tir purtroppo porta disagi e sporca le nostre strade. Individuare delle aree dedicate, aprire un confronto con le aziende interessate e con il Comune di Casirate e gestire i parcheggi al meglio per i nostri cittadini è il nostro obiettivo. 

 

6.2 La Piazza, il nostro cuore pulsante

Nuova circolazione nelle vie del centro
La viabilità è sempre stata un tasto delicato e spinoso per la piazza. Importante è conciliare le esigenze dei residenti con quelle dei commercianti, con le opportunità che un centro storico come il nostro offre anche dal punto di vista culturale e ricreativo. 

Sappiamo anche che ci sono alcune criticità che meritano una soluzione, come quella del tratto finale di via Cereda o il miglioramento della gestione dei dehors. 

Considerando quanto per noi è importante questo punto e quanto sono importanti i negozi di vicinato, non vogliamo attuare soluzioni che non siano prima concertate con tutti i soggetti interessati. Per questo attiveremo da subito, grazie all’affiancamento di un tecnico esperto, lo studio di una riqualificazione della viabilità del centro che coinvolga cittadini e commercianti nelle scelte e nella progettazione. 

6.3 Educare ad una mobilità dolce

Parliamo alle scuole: i vigili in classe

Il cammino che porta alla mobilità dolce non può prescindere da un percorso che parte proprio dalle generazioni dei rivoltani di domani. Tanto l’educazione stradale quanto l’abitudine ad un approccio lento e sostenibile continueranno ad essere temi di dialogo tra le istituzioni e le scuole, tramite incontri e la proposta di laboratori educativi, che instillino coscienza di mobilità dolce e sostenibile in modo giocoso.

 

Quater pass, i gruppi di cammino

L’esperimento, che ha riscosso significativa approvazione, dei gruppi di cammino, è stato interrotta bruscamente a causa della pandemia da Covid-19. Riprenderemo l’attività, ritornando a coinvolgere l’ATS, le associazioni e le realtà commerciali collegate.

 

Re-istituzione del Piedibus

Nel 2021, un primo sondaggio tra le famiglie dei bambini che frequentano la scuola primaria ha evidenziato un discreto numero di genitori disponibili come volontari per il servizio Piedibus. Non appena la situazione pandemica e le disposizioni governative relative alla scuola lo consentiranno, riprenderemo i fili del dialogo con famiglie e associazioni locali per riattivare questo prezioso servizio


 

6.4 La bicicletta è Greentosa!

Migliorare e promuovere i percorsi ciclo-pedonali esistenti anche extraurbani

Partendo dall’esempio virtuoso della Pedalata AVIS, realizzeremo un itinerario ciclistico, con segnali e mappa a corredo, del «giro delle cascine». La presenza di strade bianche e vicinali permetterà di creare altri itinerari cicloturistici legati a punti cospicui intorno al paese a partire dall’oratorio del Paladino. L’inserimento in percorsi all’interno delle più diffuse app, come ad esempio Wikiloc, permetterà di aggiungere Rivolta all’interno di circuiti cicloturistici.

 

Mobilità dolce: sedere ai tavoli sovracomunali per costruire politiche condivise ed attrarre investimenti

Rivolta d’Adda sconta la mancanza di collegamenti ciclabili diretti con i comuni limitrofi. Con la consapevolezza che interventi di tale portata necessitano di ingenti investimenti, manterremo e potenzieremo il dialogo con l’ Area Omogenea del Cremasco per co-progettare i collegamenti, per accedere a canali di finanziamento. La tangenziale in corso di realizzazione a Cassano D’Adda offre la possibilità per riaprire il dialogo relativo al superamento dello “sbarramento” esistente lungo la Greenway dell’Adda.

 

Viabilità in paese

Gli interventi sulla viabilità (come ad esempio la riqualificazione di Via 2 Giugno, Viale Monte Grappa, Viale Piave e Via Gramsci) vedranno l’inserimento di percorsi ciclopedonali separati dalla circolazione automobilistica.

 

6.5 Trasporto pubblico locale


 

  1. PER L’AMBIENTE 

7.1 Comunità Energetiche Rinnovabili

Le Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) sono uno straordinario strumento di innovazione e sviluppo sociale, ambientale ed economico donatoci dall’Unione Europea: un’opportunità che Rivolta non può permettersi di non cogliere. Nel concreto, le CER sono delle associazioni di diritto privato costituite da cittadini, imprese e/o enti locali con lo scopo di mettere in comune l’energia, in eccesso, prodotta dai propri impianti a fonte rinnovabile oppure vendere tale energia alla rete pubblica e guadagnarci. Sono anche utili per sfruttare al meglio una serie di incentivi pubblici. Inoltre, l’energia pulita prodotta all’interno delle CER può essere convogliata verso le colonnine per la ricarica di auto elettriche, diventando un volano per lo sviluppo della mobilità sostenibile. Riteniamo che le sfide globali che i cambiamenti climatici ci impongono di affrontare non possono essere combattute se ognuno di noi non farà la propria parte. È per questo che anche gli enti avranno sempre più il dovere di attuare delle politiche sostenibili, nel limite delle loro possibilità. La costituzione di una CER va esattamente in questa direzione. 

La prossima amministrazione RivoltiAmo si impegnerà a:

  • Promuovere e facilitare la nascita di una Comunità Energetica Rinnovabile sul territorio rivoltano 

  • Aumentare gli impianti a fonte rinnovabile di proprietà comunale 

  • Aumentare il numero di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici presenti a Rivolta

 

7.2 Rifiuti e raccolta differenziata 

La raccolta differenziata del 2019 a Rivolta è stata superiore all’84%: un risultato ottimo! Continueremo a migliorarla: 

  • Riciclando la stoffa, che non potrà più essere gettata nell’indifferenziato, ma dovrà essere portata presso la piazzola ecologica che avrà un apposito contenitore

  • Riciclando i pannolini e i pannoloni. Questo viene già fatto in molti Comuni, inseriremo questo requisito nel prossimo bando di gara d’appalto per la raccolta dei rifiuti 

  • Riciclando il sughero, attraverso la predisposizione di un apposito contenitore in piazzola ecologica 

  • Aumentando il recupero degli ingombranti: è necessaria un’opera di divulgazione e sensibilizzazione al fine di spiegare a tutti come sia possibile sezionare, prima di gettarli o portarli in discarica, alcuni rifiuti e riciclare alcune componenti di essi, abbattendo anche così i costi per il Comune

  • Installando ulteriori cestini pubblici per la raccolta differenziata. La sperimentazione dei cestini con più scompartimenti per la raccolta differenziata sta andando benissimo - grazie all’alto senso civico dei rivoltani - pensiamo quindi di acquistarne degli altri. 

  • Introducendo, in via sperimentale, la raccolta del secco non riciclabile mediante sacchi con codice a barre personalizzato, dapprima presso i cortili e i condomini, per poi, allargare al resto della popolazione.

Inoltre, riteniamo utile portare avanti una campagna di sensibilizzazione  informazione sulla differenziazione dei rifiuti. Anche per questo fine, pensiamo a creare un'app che aiuti a differenziare i rifiuti, nonché del materiale cartaceo. 

 

7.3 Rivolta Pulita

Continueremo a coinvolgere la cittadinanza nelle iniziative di Rivolta Pulita: giornate in cui alcuni volontari si dedicano alla pulizia straordinaria del nostro Paese. 

Intendiamo, inoltre, ampliare l’iniziativa coinvolgendo anche i comuni limitrofi al fine di pulire dai rifiuti i campi limitrofi alle strade che collegano i nostri paesi. 


 

  1. I PARCHI, I GIARDINI DI TUTTI gestione del verde pubblico

Vogliamo che tutte le nostre aree verdi trovino una funzione utile e rispondente alle necessità dei rivoltani.
Il verde pubblico non è un quadrato lasciato libero dalle lottizzazioni; è, invece, un importante luogo di benessere per i cittadini, che si tratti di un’area dedicata allo sport, ai bambini, agli anziani, alla ricreatività, ai giovani, agli animali. 

Per questo una priorità sarà proprio la riqualificazione di tutte le aree secondo alcuni principi:

  • La concertazione con i cittadini delle funzioni da insediare. Per alcuni parchi abbiamo già individuato gli interventi che riteniamo necessari. Per altri invece vogliamo procedere con un confronto con i cittadini preventivo. I parchi di Rivolta possono essere arricchiti - ad esempio - da:

    • un nuovo percorso vita

    • uno skate park

    • un campo da Beach Volley e playground sportivi

    • un campo da bocce

    • una zona con tavoli da gioco

    • un’area pic nic e feste

    • una nuova area cani

  • Il coinvolgimento dei rivoltani nella cura e nel presidio delle aree, che riteniamo essere tutte un bene comune. 

 

In particolare ecco cosa prevediamo. 

 

Verde Pubblico 

In questi ultimi cinque anni di amministrazione abbiamo piantato più di 100 nuove piante. Continueremo a farlo e pensiamo che, come prima cosa, sia necessario gestire, mantenere, valorizzare e salvaguardare il verde già esistente. In quest’ottica, fra le prime azioni, riteniamo utile redigere - con l’ausilio di esperti del settore - un regolamento del verde che possa meglio aiutarci a gestire la potatura e la piantumazione delle piante, indicandoci tempi e modalità adatte per ogni specie. Inoltre, intendiamo compiere un ampia opera di salvaguardia dei filari alberati: predisporremo una perizia agronomica su tutti i tigli dei viali (Piave, Dante, Ponte Vecchio) al fine di comprenderne lo stato di salute e procedere con le cure necessarie. I viali alberati sono parte integrante e fondamentale del nostro paesaggio, intendiamo, dunque, tutelarli al massimo. 

 

Adotta un’aiuola e Community Gardens. 

L’iniziativa, che prevede la cessione della gestione di piccole porzioni di verde pubblico a privati o associazioni, è andata molto bene e ha reso il nostro paese più bello e attraente. Intendiamo continuare a promuovere “Adotta un’aiuola” e vogliamo ampliare l’iniziativa dando in gestione spazi più ampi attraverso la creazione di Giardini di Comunità. 

 

Ca’ Magna

Riteniamo che quest’area abbia delle altissime potenzialità e che abbia bisogno di una grande opera di riqualificazione e rigenerazione al fine di poterle esprimere pienamente. 

In primo luogo sono necessarie: 

  • Un’opera di manutenzione straordinaria del verde 

  • L’abbattimento delle barriere architettoniche e la creazione di vialetti al fine di rendere il parco accessibile a tutti

  • La sostituzione dell’arredo urbano (cestini, panchine, tavoli, tavolini da pic nic, fontan…) 

  • Sostituire ed aumentare i punti luce 

  • Aumentare il numero di telecamere 

 

In secondo luogo, è necessario installare all’interno del Ca’ Magna una serie di strutture che possano farlo pienamente vivere alla popolazione ed in questo modo renderlo più controllato e sicuro: 

  • Area attrezzata per piccole feste private (es. compleanni) 

  • Nuovi giochi per i bambini e i ragazzi 

  • Campo da beach volley 

  • Biblioteca nel verde: un’area lettura immersa nel verde dedicata ai bambini della scuola dell’infanzia e delle elementari

 

Parchi dell’ATR1 e ATR2

A lottizzazione completata, avremo a disposizione tre importanti aree verdi. Una a Nord est, di 12.000 metri quadri, su cui allestire la fiera di Sant'Apollonia, uno centrale, di più di 4000 metri quadri completamente attrezzato, e un grande spazio verde a sud ovest, di circa 30.000 metri quadri, per il quale ci potranno essere utilizzi molto importanti per la comunità, da definire insieme. 

  • La nuova Area Fiera di 12.000 mq: a sud-est del paese è prevista la realizzazione della nuova area Fiera che andrà a sostituire l’attuale collocata in via Masaccio. Pensata principalmente per l’evento di Sant’Apollonia a febbraio, sarà attrezzata per essere utilizzata anche in altri periodi dell’anno. 

  • Parco Sud-Ovest di 30.000 mq: è previsto un grande Parco Verde. Questo spazio, se ben attrezzato, può diventare una grande valvola di sfogo per i giovani del paese, con attrezzature anche sportive messe a disposizione di tutti. Un lavoro di co-progettazione proprio con i giovani avrà il duplice obiettivo di renderli protagonisti della vita del paese e costruire uno spazio vissuto e rispettato. 

  • Parco centrale di 4.000 mq: un’area verde che verrà ceduta già attrezzata all’amministrazione comunale.

 

Aree Cani

L’area cani situata in via F.lli Rosselli è certamente uno dei successi delle amministrazioni RivoltiAmo degli ultimi dieci anni. Questo sia perchè è molto utilizzata, sia perchè è stata frutto di una ottima collaborazione con imprese e privati. È, però, situata in un’area periferica del paese e può risultare scomoda ad alcuni proprietari di cani che non vi abitano vicino: pensiamo di aumentare il numero di aree cani presenti sul territorio rivoltano, in modo che siano facilmente raggiungibili da tutti. In tal modo, migliorarne il loro utilizzo. La prima che vogliamo realizzare si trova in via Fermi. 

Parchetto di Padre Pio
Continueremo il lavoro di manutenzione del parco, integrandolo con giochi inclusivi. Abbiamo individuato quello di Padre Pio come uno dei parchetti dedicati in primis ai bimbi più piccoli. Vogliamo quindi prevedere dei cancellini che completino il muretto già esistente e permettano di vivere ancor più serenamente ed in sicurezza lo spazio. 

Parco del Cremo
Con la riqualificazione della viabilità di via 2 Giugno vogliamo intervenire anche sull’area verde conosciuta da tutti come “il Cremo”. Diverse sono le possibili funzioni che immaginiamo per quest’area, ad esempio pensiamo ad uno spazio dedicato agli anziani, con comode sedute e tavolini da gioco e con una pista da bocce. Prima di procedere però alla realizzazione di qualsiasi struttura vogliamo avere un confronto con il quartiere per comprendere se la nostra idea incontra le aspettative di chi abita la zona oppure se è più opportuno pensare ad altri target, come i giovani o i bambini. 

9. PER IL LAVORO E LE OPPORTUNITA’

Dialogo per una integrazione tra comunità e mondo del lavoro locale

Dialogheremo con tutte le realtà economiche e produttive per comprendere le esigenze del settore ed in sinergia avviare progettualità di comune interesse sui temi ad esempio della disoccupazione, della formazione, del reinserimento lavorativo e dell’orientamento. 

 

Connettività

Una delle sfide più importanti di questi anni è stata la necessità di poter fornire a tutti gli utenti delle linee dati stabili, ampie e sicure per permettere di utilizzare al meglio lo strumento digitale, ormai parte integrante di tutti noi, anche se con sfumature e necessità diverse.

L’emergenza COVID ha poi particolarmente evidenziato i limiti di una rete non in grado di soddisfare le sempre più forti esigenze di connessione. Il destino dei piccoli comuni è però quello di ottenere linee dati adeguate con estrema difficoltà. Proprio per fare massa critica e ottenere risultati, I comuni cremaschi si sono uniti in una sorta di consorzio ed hanno ottenuto che tutto il territorio venisse progressivamente interessato da un cablaggio finalmente adeguato alle necessità. Pur con tutte le difficoltà legate a tanti fattori, finalmente da un anno a questa parte si iniziano a vedere i risultati. Rivolta d’Adda ora è stata cablata pressoché totalmente, in alcune zone anche con fibra ottica diretta, e entro un anno circa si stima che una connessione dati stabile e veloce verrà messa a disposizione di tutti, col completamento del progetto territoriale. Ci impegneremo a continuare il lavoro svolto in questo senso dall’amministrazione per riuscire ad ottenere linee sempre più efficienti e stabili.

 

9.1 Orientamento

Giornate dell’orientamento 

Organizzeremo giornate di orientamento scolastico e professionale dedicate agli studenti di scuola secondaria di primo e secondo grado, per supportare loro e le loro famiglie nella scelta del proprio percorso, con una particolare attenzione alle opportunità offerte dal territorio. Favoriremo lo scambio di idee tra giovani di diverse fasce di età, perché ciascuno possa essere di aiuto agli altri, organizzando momenti di incontro tra chi è appena entrato nel mondo del lavoro, chi ha scelto l’università o un percorso ITS, chi ha concluso le scuole superiori e chi deve scegliere il suo indirizzo di studio. Proporremo attività gratuite di introduzione al lavoro (CV, contratti etc.) per i giovani perché possano affacciarsi alle opportunità professionali in modo consapevole.

 

9.2 Il lavoro

Sportello Lavoro

Valorizzando le esperienze locali pregresse e guardando ad esperienze anche nazionali che si stanno sviluppando in questi anni, avvieremo uno Sportello Lavoro per favorire l’incontro tra domanda e offerta. Si creerà quindi una banca dati di Curriculum Vitae e di proposte di lavoro. Per realizzare questo punto di programma ci avvarremo di collaborazioni con associazioni locali e agenzie per il lavoro.

 

Formazione e riqualificazione professionale

Promuoveremo, grazie alla sinergia con enti di formazione e agenzie per il lavoro, l’organizzazione di corsi professionalizzanti anche sul nostro territorio.

Gli adulti con difficoltà lavorative (disoccupati e inoccupati) potranno accedere a corsi di riqualificazione strutturati con enti di formazione accreditati, ai quali Rivoltiamo si rivolgerà per coordinare gli sforzi, arrivarndo insieme al risultato “Un lavoro per tutti”.

 

Coworking - Smartworking 

Consapevoli che queste modalità di lavoro si stanno sempre più consolidando, struttureremo nello spazio dell'Ex Scuola Materna alcuni locali destinati ad ospitare professionisti che possono lavorare “da remoto” e che hanno bisogno di uno spazio fuori dalla propria abitazione. Uno spazio con servizi di base, ma anche con la possibilità di ricevere maggiori stimoli e creare nuovi legami .

 

9.3 L’Agricoltura

Un dialogo costante per comprendere le esigenze del settore

Quello dell’agricoltura rappresenta uno dei principali settori economici del nostro territorio, nonchè un luogo di tradizioni e storia per Rivolta. 

Siamo consapevoli di quanto gli agricoltori abbiano esigenze particolari, riferite proprio ai loro ritmi di lavoro e agli spazi che abitano, fortemente legati ai tempi della campagna. Siamo convinti che l’unico modo per poter attivare politiche vicine al mondo dell’agricoltura sia quello di porsi in ascolto e confronto. Per questo organizzeremo periodici incontri con le aziende e i residenti delle campagne. 

 

Crescita della Fiera di Santa Apollonia e della festa del Ringraziamento

Svilupperemo, insieme alla Commissione Fiera e agli agricoltori, i due principali eventi legati al mondo agricolo. Entrambi questi momenti, seppur molto diversi, permettono di far incontrare tutti gli attori del settore e la comunità, in uno scambio proficuo di conoscenze. 

  • Fiera di Santa Apollonia: dopo l’edizione 2020 in cui siamo stati costretti a ridurre ad un evento online la manifestazione, riprenderemo le attività - compatibilmente con quanto consentirà la situazione sanitaria - investendo ulteriormente su:

    • Investiremo sulla mostra zootecnica , momento centrale della fiera in cui gli allevatori si possono incontrare e confrontare.

    • Convegni zootecnici e legati al mondo del lavoro nel settore primario e sul territorio di Rivolta: riteniamo questo un momento di formazione e aggiornamento imprescindibile cui, dopo l’esperienza dell’ultima edizione, vogliamo affiancare momenti dedicati all’orientamento.

    • Rafforzamento delle esposizioni legate al mondo agricolo, in affiancamento alla tradizionale e consolidata esposizione della Vacca Frisona: per incentrare con sempre maggior forza l’evento sulle realtà del settore primario e quelle ad esso connesse. 

    • Continua interazione con il mondo culturale e folkloristico locale

  • Festa del Ringraziamento: supporteremo gli agricoltori nell’organizzazione della ormai tradizionale Festa del Ringraziamento di novembre, momento in cui il mondo agricolo festeggia il proprio lavoro e incontra la comunità “di paese”. 

 

Nuova area Fiera
Realizzeremo una nuova Area Fiera a sud-est del paese che andrà a sostituire l’attuale collocata in via Masaccio. Pensata principalmente per l’evento di Sant’Apollonia a febbraio, sarà attrezzata per essere utilizzata anche in altri periodi dell’anno. L’area sarà di circa 12.000 mq. 

 

Strade vicinali e consortili

Dialogheremo con gli abitanti delle strade vicinali e consortili per valutare il lavoro dei consorzi e gli interventi di manutenzione sulle strade. L’amministrazione sarà a disposizione degli agricoltori e degli abitanti delle cascine non solo per quanto le compete economicamente ma anche, per quanto possibile, con i propri mezzi e le proprie risorse.   

 

9.4 Il Commercio

Uniti per promuovere il commercio

Insieme ai commercianti locali, favoriremo la nascita di aggregazioni e collaborazioni stabili per permettere la miglior organizzazione e gestione di eventi ed iniziative di promozione del commercio locale. In questo modo vogliamo consolidare le numerose manifestazioni promosse negli ultimi 10 anni e strettamente legate ai negozi e agli esercizi pubblici. 

 

Corsi di formazione per le nuove competenze digitali

Promuoveremo, grazie al Distretto del Commercio Visconteo, corsi di formazione mirati per i commercianti (ad esempio inerenti a comunicazione e marketing).  

 

Contrasto al fenomeno dei negozi sfitti

Lavoreremo per contrastare il fenomeno delle vetrine vuote e dei negozi sfitti incentivando in primis l’abbellimento delle vetrine perché non restino dei “vuoti urbani”, favorendo poi l’insediamento di nuove attività, in sintonia con quelle già esistenti ed incentivando quindi la differenziazione merceologica.

 

Distretto del Commercio Visconteo

Continueremo ad essere parte attiva del Distretto del Commercio Visconteo per costruire progettualità territoriali di promozione e marketing locale e per portare risorse e finaziamenti non solo all’amministrazione, ma anche ai singoli esercenti.  

 

10. PER LA CULTURA E IL TURISMO - RIVOLTA E’ BELLA

10.1 Adda mon amour

Un ecomuseo del territorio

Realizzeremo, progressivamente negli anni, un ecomuseo nel nostro territorio con installazioni artistiche e ludiche che valorizzino le nostre bellezze e permettano di vivere maggiormente le nostre campagne, il nostro fiume e le nostre piazze. Pensiamo tanto ai rivoltani quanto ai possibili turisti che a Rivolta possono arrivare. 

Come? 

Con contest, call for artist, eventi annuali. Per finanziare l’iniziativa ricorreremo per lo più a contributi regionali o statali. 

 

Riqualificazione dell’area Ponte Vecchio e dell’area Bisarca

In stretto e continuo dialogo con gli enti, le proprietà e i gestori degli spazi che interessano l’area del Ponte Vecchio e l’area della Bisarca, promuoveremo un progetto di rilancio di questi spazi che li rendano luoghi di ricreazione sana sul lungo fiume. Il progetto permetterà di riappropriarsi al meglio di quegli spazi vivendoli in maniera rispettosa dell’ambiente fluviale. 

Obiettivo è realizzare aree di sosta e pic-nic attrezzate e installare parte dell’ecomuseo diffuso del territorio. 

 

10.2 Turismo

Infopoint

Struttureremo un servizio di Infopoint turistico allineato ai requisiti regionali. Per farlo si lavorerà in stretta sinergia con la Pro Loco locale e con enti quali il Parco Adda Sud o altre associazioni e realtà locali. 

 

Area Camper
Realizzeremo un’area Camper in via Ponte Vecchio per permettere la sosta dei turisti in maniera controllata, attrezzata e confortevole incentivando così uno specifico settore turistico che riteniamo possa trovare Rivolta una meta interessante.

L’area sosta prevede la possibilità di carico e scarico delle acque per i camper, la ricarica della corrente elettrica e il pernottamento con il pagamento di un canone di sosta.
Come secondo step di intervento prevediamo di riqualificare i bagni pubblici presenti in adiacenza al campo di allenamento della Rivoltana Calcio per renderli fruibili sia a chi staziona nell’area sosta, sia ai fruitori dell’area Feste di viale Ponte Vecchio. 

 

Organizzazione di un sistema di noleggio biciclette

In collaborazione con i pubblici esercizi, artigiani ed associazioni locali, promuoveremo un sistema di noleggio biciclette che permetta di fruire il nostro territorio “a pedali” anche a turisti di passaggio. 

 

10.3 Patrimonio

Cascine e cortili, un patrimonio da conservare

Il nostro territorio è ricco di cascine, santelle, cortili di grande rilevanza storica ed architettonica. Patrimonio che, però, rischia di perdersi a causa della mancata costante manutenzione. 

  • Nostro impegno sarà mappare questo patrimonio per garantirne la conservazione in primis fotografica e bibliografica. Questo passaggio sarà fondamentale per far conoscere sistemi costruttivi tradizionali e non perderne la memoria. 

  • In accordo con le proprietà private e con le associazioni locali, partendo da esperienze già testate negli scorsi anni, organizzeremo visite guidate presso cascine, chiese, santelle e cortili del territorio.

  • Ulteriore passo sarà quello di intervenire laddove possibile sugli immobili ammalorati di proprietà pubblica e stimolare nei privati la conservazione e manutenzione dei beni. 

 

10.4 Eventi

Feste, piazze, convivialità

Continueremo l’organizzazione di eventi che animino durante l’anno il nostro territorio, cercando sempre più di differenziare l’offerta e potenziare la promozione delle attività per portare nelle piazze non solo rivoltani, ma anche visitatori e turisti a vantaggio in primis delle nostre realtà commerciali. 

 

Festival di Sant’Alberto

Dopo le prime due edizioni (2019 e 2021) decisamente riuscite, vogliamo investire ulteriormente sulla Festa Patronale di Sant’Alberto, costruendo un Festival sempre più attrattivo, di qualità e innovativo, nel massimo rispetto della tradizione e della festività religiosa che accompagna.

 

Amministrazione, Associazioni, Commercianti: insieme per gli eventi locali

Vogliamo strutturare un tavolo di lavoro permanente con tutti i soggetti locali interessati nell’organizzazione degli eventi. Obiettivo ultimo è quello di rendere sempre più protagoniste in tutte le fasi organizzative degli eventi le realtà del terzo settore ed economiche, rendendo l’Amministrazione organismo di facilitazione e supporto nell’organizzazione delle attività. 

 

Eventi non solo in piazza! Per imparare a vivere anche i quartieri
Organizzeremo eventi e manifestazioni che si svolgano in luoghi periferici e “non convenzionali”: la maggior parte delle attività culturali si svolge attualmente nel centro storico, ma il paese ha un’estensione ben diversa e spazi che potrebbero essere sedi di numerose manifestazioni. In questi anni, ad esempio, abbiamo proposto le "Facciate in Scena" in luoghi caratteristici del paese, spettacoli nei parchetti o nelle sedi di Associazioni, le Rivoltiadi che hanno interessato numerosi spazi sportivi...

 

10.5 Biblioteca

La Biblioteca di Rivolta è sempre stata un fiore all’occhiello del nostro territorio. Continueremo ad investire su questo servizio, all’interno del progetto di rilancio del Civic Center. 

In particolare, accanto al continuo investimento sull’acquisto di materiale, intendiamo organizzare iniziative di promozione alla lettura che arricchiscano gli eventi già consolidati. Accanto quindi agli incontri con le scuole organizzeremo momenti in biblioteca e/o nei parchetti. 

Organizzeremo incontri di lettura e promuoveremo la nascita di un piccolo cineforum, molto richiesto negli anni passati. 

Vogliamo promuovere la presenza di associazioni e volontari che, sempre in affiancamento al personale del comune, integrino e arricchiscano l’offerta di quello che per noi è il principale luogo di accesso democratico alla lettura. 

 

10.6 Dimensione sovralocale

Lavorare, in sinergia con gli altri enti territoriali (comuni, enti parco, associazioni…), per ampliare la rete ciclo-pedonale del territorio

 

Circuiti e itinerari

Entreremo, sempre di più, a far parte di circuiti turistici sovralocali e reti di promozione, continuando il lavoro già avviato. 

Ad esempio:

  • Pianura da Scoprire - valutare la nuova adesione

  • Turismo Crema - Rivolta già integrata nei percorsi

 

11. RIVOLTA STRATEGICA

11.1 Nel Comune

Promuovere un dialogo sempre maggiore tra gli uffici comunali

Come per le realtà del territorio, anche all’interno del Comune vogliamo promuovere un metodo di lavoro che prediliga tavoli di confronto tra i vari uffici e momenti di “equipe” in cui condividere progetti, stati di avanzamento e opportunità di collaborazione per erogare al meglio i servizi.

 

Formazione

Promuoveremo momenti di formazione per il personale del Comune che garantiscano la crescita delle competenze di ciascuno, fonte senz’altro di soddisfazione personale e di crescita della qualità delle prestazioni fornite dall’ente. 

 

Ufficio scouting e progettazione bandi

Nell’attuale contesto economico e politico è sempre più importante essere pronti ad ottenere finanziamenti esterni per la realizzazione dei propri progetti. Parliamo di risorse derivanti da Fondazioni, dalla Regione, dai Ministeri, dalla Unione Europea. Riteniamo fondamentale strutturare un ufficio comunale in grado di cogliere queste occasioni, seguendo le principali fonti di informazione ufficiali e preparando le proposte progettuali. 

 

Collaborazione e co-progettazione come metodo di lavoro trasversale

Una metodologia trasversale a numerosi dei punti toccati nel nostro programma elettorale, che si pone in continuità con quanto svolto negli anni di amministrazione trascorsi, è quello della Coprogettazione. Essa rappresenta un metodo di lavoro avente come obiettivo principale la progettazione di servizi e interventi da pensare, progettare e realizzare in modalità di partenariato pubblico privato. Lo scopo principale è quindi, in generale, quello di “unire le forze”; un concetto che ci sta molto a cuore, in particolare in un periodo complesso sotto diversi punti di vista come quello che stiamo ancora vivendo. Entrando più nello specifico, vogliamo porre particolare attenzione alle possibilità di collaborazione tra le varie associazioni presenti a Rivolta (e dintorni), oltre che alla partecipazione a tavoli di lavoro di coordinamento territoriale. Questo tipo di Coprogettazione permette a numerose realtà del nostro territorio di attivarsi, rendendo fruibili diversi servizi che altrimenti difficilmente potrebbero vedere la luce; il Centro Estivo, la Fiera di Sant’Apollonia, il Festival di Sant’Alberto e le Rivoltiadi sono solo alcuni degli esempi più lampanti di come la coprogettazione possa essere una forza sulla quale far leva per il bene della comunità rivoltana. Mai come in questo caso, “Il tutto è più della somma delle singole parti”.

 

11.2 Il Mondo Intorno a noi

Far parte dei tavoli decisionali sovralocali

In continuità con quanto fatto nelle precedenti amministrazioni, per restare allineati circa le scelte politiche sovralocali, far valere le proprie posizioni ed istanze, portare i propri progetti a finanziamento, è importante sedere ai principali tavoli decisionali sovralocali. Ad esempio si citano l’Area Omogenea, il Subambito, la Rete Bibliotecaria, il Distretto del Commercio Visconteo…

 

Partnership

Vogliamo promuovere partnership permanenti con enti di ricerca e formazione ed associazioni di promozione locale… per promuovere progettualità sempre più innovative per il nostro territorio.